Perchè non usiamo Paypal

Perchè non usiamo Paypal

Perchè non usiamo Paypal

Lavoriamo on line da molti anni e abbiamo fin dall'inizio scelto di lavorare con Paypal proprio perchè conosciamo il grande impatto che tale metodo di pagamento ha sulle vendite. Abbiamo sempre riconosciuto l'importanza di avere un metodo di pagamento sicuro per gli utenti e sicuro per noi, abbiamo dunque deciso di pagarne le ( non basse ) commissioni e "sopportato" qualche piccolo atteggiamento da MONOPOLISTA... Ma recentemente, dopo diversi disservizi creati dal noto colosso Paypal, dopo aver in conseguenza avuto probelmi con i nostri clienti, rovinando cosi anche  un po' la nostra immagine sul web ( calo di recensioni positive ) , abbiamo deciso di eliminare definitivamene ( lo avevamo già deciso un mese fa circa ), e vorremmo spiegare nel dettaglio il motivo di tale decisione, dato che molti o quasi tutti gli utenti/acquirenti, non ne potrebbero essere a conoscenza.

 

Paypal è un metodo di pagamento on line famosissimo, garantisce in buona sostanza che una vendita vada a buon fine senza che acuirente e/o venditore, rischino alcuna fregatura o peggio di rimetterci i soldi spesi. Paypal applica le sue regole e le sue commissioni, che noi venditori abbiamo sempre accettato di buon grado. Il problema è sorto recentemente, quando per più mesi consecutivi, senza preavviso alcuno, Paypal decise di liimtare il nostro conto. Questa operazione significa in sostanza permettere alla società ( noi ) di continuare a ricevere denaro dai clienti ( sul conto paypal ) ma di non poter trasferire tale denaro sul proprio conto corrente, ne di pagare alcunchè con Paypal. Solitamente queste limitazioni vengono applicate per controlli generici sporadici ( fino a qui nessun problema ) ma poi purtroppo succede che nonostante tutta la documentazione richiesta e inviata, dopo aver soddisfatto ogni requisitio da loro richiesti, Paypal decide unilaterlamente di non sbloccare tale conto, trattenendo fino ad un massimo di 180 giorni, il denaro presente su tale conto! Ora, vorremmo far presente che quel denaro di fatto è di tutti gli acquirenti che con fiducia acquistano sul nostro sito ( esclusa la parte del nostro guadagno ) e pertanto la nostra società si trovò nella situazione di non poter pagare i fornitori pe rla merce, ( paghiamo dal nostro conto corrente non da paypal ) ritardare cosi le consegne della merce e ricevendo dunque recensioni negative e inoltre dovendo recuperare nuova liquidità altrove, al fine di fronteggiare tale emergenza creata da Paypal. 

 

Se questo episodio si fosse verificato una sola volta, non avremmo forse abbandonato tale metodo di pagamento, ma purtroppo questa storia si è ripetuta a distanza di circa un mese dalla precedente, portandoci cosi a decidere definitivamente di eliminare il noto colosso dai nostri metodi di pagamento. 

Ci scusiamo per la lunga spiegazione, ma crediamo nella trasparenza e onestà, e abbiamo ritenuto giusto spiegare come funzionano certi meccanismi interni .

 

Cordiali saluti 

Lo staff di Vetrinaitech